Giornalismo RadioTelevisivo

Teorie, tecniche e linguaggi

di Giuseppe Mazzei 


Radio e televisioni stanno vivendo un rinascimento che non le vede concorrenti ma entusiaste partecipi della rivoluzione digitale e di Internet. Questo manuale, che unisce i testi di due volumi pubblicati da Mazzei in questa collana (Notizie radio@ttive e Verso il Tigitale) – aggiornandone e ampliandone i contenuti – offre gli strumenti per conoscere le teorie e praticare le tecniche del linguaggio giornalistico della radio e della televisione alla luce delle innovazioni tecnologiche e delle moderne modalità di fruizione dei due mezzi di comunicazione di massa. Da Marconi al Dab viene ripercorsa la vitalità della radio, che sfocia nelle esperienze delle web-radio e del trionfo della notizia nei canali all news.Il linguaggio giornalistico radiofonico costituisce la base di una comunicazione inoformativa essenziale, efficace,popolare ma anche “didattica” che si arricchisce in televisione della forza espressiva delle immagini.Il giornalismo televisivo viene descritto in tutte le sue complesse articolazioni: modo di essere e di operare dei giornalisti; tecniche di ripresa, di montaggio, di scrittura “sceneggiata” dei testi, di impaginazione delle edizioni e di messa in onda che devono ancora per un po’ vivere la coesistenza di tecniche analogiche e digitali. Il manuale si chiude con la descrizione del cyber-tg, prodotto informativo di un futuro che connette i telespettatori facendo loro condividere non la passività del villaggio globale ma la presenza attiva in una moderna agorà, in cui tutti possono partecipare al rito dell’umanità che cerca di conoscere meglio se stessa attraverso le notizie interattive e la Rete. ” Caro Mazzei, il tuo libro coglie il bene e il male, o, se preferisci, il meglio e il peggio di ciò che  l’informazione ci riserva… Tu hai tutte le carte in regola perchè sia autenticata l’utilità, teorica e pratica, di questo “manuale”. Personalmente, te ne sono grato perchè a molte delle tue pagine lego il ricordo di una piccola , ma ostinata inquietudine per come la parola è stata al centro della mia, più lontana, vicenda professionale. “(dalla prefazione di Sergio Zavoli)

di

Radio e televisioni stanno vivendo un rinascimento che non le vede concorrenti ma entusiaste partecipi della rivoluzione digitale e di Internet. Questo manuale, che unisce i testi di due volumi pubblicati da Mazzei in questa collana (Notizie radio@ttive e Verso il Tigitale) – aggiornandone e ampliandone i contenuti – offre gli strumenti per conoscere le teorie e praticare le tecniche del linguaggio giornalistico della radio e della televisione alla luce delle innovazioni tecnologiche e delle moderne modalità di fruizione dei due mezzi di comunicazione di massa. Da Marconi al Dab viene ripercorsa la vitalità della radio, che sfocia nelle esperienze delle web-radio e del trionfo della notizia nei canali all news.Il linguaggio giornalistico radiofonico costituisce la base di una comunicazione inoformativa essenziale, efficace,popolare ma anche “didattica” che si arricchisce in televisione della forza espressiva delle immagini.Il giornalismo televisivo viene descritto in tutte le sue complesse articolazioni: modo di essere e di operare dei giornalisti; tecniche di ripresa, di montaggio, di scrittura “sceneggiata” dei testi, di impaginazione delle edizioni e di messa in onda che devono ancora per un po’ vivere la coesistenza di tecniche analogiche e digitali. Il manuale si chiude con la descrizione del cyber-tg, prodotto informativo di un futuro che connette i telespettatori facendo loro condividere non la passività del villaggio globale ma la presenza attiva in una moderna agorà, in cui tutti possono partecipare al rito dell’umanità che cerca di conoscere meglio se stessa attraverso le notizie interattive e la Rete. ” Caro Mazzei, il tuo libro coglie il bene e il male, o, se preferisci, il meglio e il peggio di ciò che  l’informazione ci riserva… Tu hai tutte le carte in regola perchè sia autenticata l’utilità, teorica e pratica, di questo “manuale”. Personalmente, te ne sono grato perchè a molte delle tue pagine lego il ricordo di una piccola , ma ostinata inquietudine per come la parola è stata al centro della mia, più lontana, vicenda professionale. “(dalla prefazione di Sergio Zavoli)

Disponibile in

Brossura

Genere Comunicazione
Edizione 2005
Listino € 30,00
  • Disponibile
  • Acquista

Brossura

eBook

12