Il palinsesto sociale in Europa

I casi di Ard, France 3, Bbc e Rtsi

di Giuseppe Richeri 


Ai temi del palinsesto sociale la Rai, nell’ultima stagione editoriale (settembre 1998-maggio 1999), ha dedicato 12 ore al giorno di programmazione radiofonica, ha trasmesso oltre 330 pagine giornaliere di Televideo e ha ospitato oltre 1.800 testimonianze nelle trasmissioni televisive. Grazie a questo impegno, la programmazione televisiva destinata dalla Rai ai generi indicati dall’art. 2 terzo comma del Contratto di servizio (telegiornali, programmi informativi, programmi culturali, programmi di servizio, programmi destinati ai bambini e ai giovani, programmi sportivi) è stata nell’ultimo triennio superiore al 70 per cento, ampiamente al di sopra della quota del 60 per cento fissata dal Contratto di servizio.
Il modello Rai rappresenta quindi un contributo rigoroso ed originale alla costruzione del futuro palinsesto sociale europeo.
(Dall’introduzione di Pier Luigi Celli)

di

Ai temi del palinsesto sociale la Rai, nell’ultima stagione editoriale (settembre 1998-maggio 1999), ha dedicato 12 ore al giorno di programmazione radiofonica, ha trasmesso oltre 330 pagine giornaliere di Televideo e ha ospitato oltre 1.800 testimonianze nelle trasmissioni televisive. Grazie a questo impegno, la programmazione televisiva destinata dalla Rai ai generi indicati dall’art. 2 terzo comma del Contratto di servizio (telegiornali, programmi informativi, programmi culturali, programmi di servizio, programmi destinati ai bambini e ai giovani, programmi sportivi) è stata nell’ultimo triennio superiore al 70 per cento, ampiamente al di sopra della quota del 60 per cento fissata dal Contratto di servizio.
Il modello Rai rappresenta quindi un contributo rigoroso ed originale alla costruzione del futuro palinsesto sociale europeo.
(Dall’introduzione di Pier Luigi Celli)

Disponibile in

Brossura

Genere Comunicazione/Segretariato Sociale
Edizione 2000
Listino € 8,26
  • Disponibile
  • Acquista

Brossura

eBook