La pistola di Cristallo

di Raffaele Damiani 


Raffaele Damiani è lo scrittore “scoperto” in diretta tv dallo show di Rai Uno Il treno dei desideri condotto da Antonella Clerici. Questo romanzo è il “sequel” dei suoi due precedenti polizieschi: Una storia di mafia e Giallo all’ombra della cattedrale. Anche qui Elio Vittori, funzionario di polizia, e Lello Namidia, giornalista, si trovano di fronte a un “caso” apparentemente irrisolvibile. Namidia, da Roma, dove vive e lavora, torna nel suo paese d’origine, Alia, in Sicilia, per scrivere un articolo sulle grotte della Gurfa, sito di notevole interesse archeologico e speleologico. Casualmente (ma forse no), un anziano compaesano amico di famiglia riferisce al giornalista un fatto di cronaca legato a quelle grotte: sedici anni prima vi fu rinvenuto uno scheletro, ma sul macabro ritrovamento non venne svolta alcuna indagine e la vicenda passò sotto il più assoluto silenzio. Comincia così, per Namidia e Vittori, una lunga e complessa indagine per scoprire a chi appartenesse lo scheletro e perché fosse stato nascosto proprio in quel luogo speciale: da Alia a New York, da Roma a Merano per ricostruire una vicenda iniziata nei ruggenti anni ’20 e ricomporre un misterioso passato fatto di immigrazione, mafia, sospetti e gelosie.

di

Raffaele Damiani è lo scrittore “scoperto” in diretta tv dallo show di Rai Uno Il treno dei desideri condotto da Antonella Clerici. Questo romanzo è il “sequel” dei suoi due precedenti polizieschi: Una storia di mafia e Giallo all’ombra della cattedrale. Anche qui Elio Vittori, funzionario di polizia, e Lello Namidia, giornalista, si trovano di fronte a un “caso” apparentemente irrisolvibile. Namidia, da Roma, dove vive e lavora, torna nel suo paese d’origine, Alia, in Sicilia, per scrivere un articolo sulle grotte della Gurfa, sito di notevole interesse archeologico e speleologico. Casualmente (ma forse no), un anziano compaesano amico di famiglia riferisce al giornalista un fatto di cronaca legato a quelle grotte: sedici anni prima vi fu rinvenuto uno scheletro, ma sul macabro ritrovamento non venne svolta alcuna indagine e la vicenda passò sotto il più assoluto silenzio. Comincia così, per Namidia e Vittori, una lunga e complessa indagine per scoprire a chi appartenesse lo scheletro e perché fosse stato nascosto proprio in quel luogo speciale: da Alia a New York, da Roma a Merano per ricostruire una vicenda iniziata nei ruggenti anni ’20 e ricomporre un misterioso passato fatto di immigrazione, mafia, sospetti e gelosie.

Disponibile in

Brossura

Genere Cinema e Fiction
Edizione 2009
Listino € 14,00
  • Disponibile
  • Acquista

Brossura

eBook