Mala vita

Racconti dal Carcere

di Antonella Bolelli Ferrera 


Nei venticinque racconti finalisti del Premio Goliarda Sapienza, accolti in questo libro, detenutee detenuti di molte nazionalità (italiana, albanese,romena, liberiana, marocchina, egiziana),accompagnati da autorevoli scrittori, giornalisti,artisti, raccontano le loro storie di mala vita contratti crudi, avvincenti, spesso commoventi, anche ironici. Fra loro c’è chi si trova in carcere da decenni, chi è all’ennesima condanna e chi non vedrà mai la fine della pena.È un’umanità diversa − per età, provenienza,estrazione sociale – che si racconta; un’umanità che ha smarrito, o forse non ha mai conosciuto, lacultura della legalità: l’anarco-insurrezionalista in fuga, il giovane narcotrafficante nell’apprendistato con i cartelli sudamericani, l’omicida che si rifugia in Messico per sfuggire ai suoi fantasmi, il clandestino che ha visto i genitori annegare durante il viaggio della speranza, il rom cresciutoal furto come mestiere. E vi è chi ha visto i bambini-soldato compiere stermini, chi ha subitotorture nelle prigioni del proprio Paese, chi è stato seviziato dal padre, boss della camorra. Vi è la madre che scrive dei suoi figli nel Nido Blu del carcere, lo scugnizzo finito nelle rapine, nello spaccio, nella tossicodipendenza e la vecchia volpe della galera, il collaboratore di giustizia, il mafioso, il camorrista…È un gruppo folto di persone che cercano di farsi conoscere e di conoscersi tramite la scrittura,compiendo così un gesto e un atto che certo significano una sofferta volontà di riscatto.

di

Nei venticinque racconti finalisti del Premio Goliarda Sapienza, accolti in questo libro, detenutee detenuti di molte nazionalità (italiana, albanese,romena, liberiana, marocchina, egiziana),accompagnati da autorevoli scrittori, giornalisti,artisti, raccontano le loro storie di mala vita contratti crudi, avvincenti, spesso commoventi, anche ironici. Fra loro c’è chi si trova in carcere da decenni, chi è all’ennesima condanna e chi non vedrà mai la fine della pena.È un’umanità diversa − per età, provenienza,estrazione sociale – che si racconta; un’umanità che ha smarrito, o forse non ha mai conosciuto, lacultura della legalità: l’anarco-insurrezionalista in fuga, il giovane narcotrafficante nell’apprendistato con i cartelli sudamericani, l’omicida che si rifugia in Messico per sfuggire ai suoi fantasmi, il clandestino che ha visto i genitori annegare durante il viaggio della speranza, il rom cresciutoal furto come mestiere. E vi è chi ha visto i bambini-soldato compiere stermini, chi ha subitotorture nelle prigioni del proprio Paese, chi è stato seviziato dal padre, boss della camorra. Vi è la madre che scrive dei suoi figli nel Nido Blu del carcere, lo scugnizzo finito nelle rapine, nello spaccio, nella tossicodipendenza e la vecchia volpe della galera, il collaboratore di giustizia, il mafioso, il camorrista…È un gruppo folto di persone che cercano di farsi conoscere e di conoscersi tramite la scrittura,compiendo così un gesto e un atto che certo significano una sofferta volontà di riscatto.

Disponibile in

Brossura

eBook

Genere Servizio Pubblico
Listino € 11,90
  • Disponibile
  • Acquista

Brossura

eBook