Un dono semplice

di Silvia Napolitano 


Thomas Barlow, grande manager di una multinazionale, duro, cinico, spietato sul lavoro, quando all’improvviso la moglie muore si sente crollare il mondo addosso. Per dare la notizia alla figlia, Nicole, deve raggiungerla in India, dove la ragazza vive da sei mesi. Ma Nicole, anziché rifugiarsi tra le braccia del padre per condividerne il dolore, si stringe a suor Anna, la religiosa che dirige la missione dove lei fa volontariato. Thomas capisce che quella suora è la sua rivale, il modello che sua figlia, la sua unica figlia vuole seguire, il genitore che lei vuole amare. Nicole – è chiaro ormai – intende uniformarsi alla visione che suor Anna ha del mondo. Da questa consapevolezza nasce la sfida: Thomas segue la figlia e la suora in uno slum, un quartiere poverissimo, dove suor Anna porta avanti un progetto innovativo con lo scopo di liberare i poveri dalla loro condizione di miseria. Qui le donne apprendono i principi basilari per crescere bene i propri figli, imparano le nozioni fondamentali di educazione sanitaria, trovano sostegno per mettere in piedi piccole imprese familiari. I loro risparmi, poi, sono raccolti in un fondo, una sorta di “banca etica” che finanzia altre donne, stroncando in questo modo l’usura. Una visione dell’economia, ma anche e soprattutto della vita e del modo di rapportarsi con le altre persone, antitetica a quella di Thomas. Il conflitto fra lui, Nicole e la surora si fa duro. Ma, dopo un percorso umano e spirituale travagliatissimo, sarà proprio Thomas a cambiare, scoprendo dentro di sè la capacità di capire gli altri e di amarli in modo autentico, vale a dire rendendoli liberi.

di

Thomas Barlow, grande manager di una multinazionale, duro, cinico, spietato sul lavoro, quando all’improvviso la moglie muore si sente crollare il mondo addosso. Per dare la notizia alla figlia, Nicole, deve raggiungerla in India, dove la ragazza vive da sei mesi. Ma Nicole, anziché rifugiarsi tra le braccia del padre per condividerne il dolore, si stringe a suor Anna, la religiosa che dirige la missione dove lei fa volontariato. Thomas capisce che quella suora è la sua rivale, il modello che sua figlia, la sua unica figlia vuole seguire, il genitore che lei vuole amare. Nicole – è chiaro ormai – intende uniformarsi alla visione che suor Anna ha del mondo. Da questa consapevolezza nasce la sfida: Thomas segue la figlia e la suora in uno slum, un quartiere poverissimo, dove suor Anna porta avanti un progetto innovativo con lo scopo di liberare i poveri dalla loro condizione di miseria. Qui le donne apprendono i principi basilari per crescere bene i propri figli, imparano le nozioni fondamentali di educazione sanitaria, trovano sostegno per mettere in piedi piccole imprese familiari. I loro risparmi, poi, sono raccolti in un fondo, una sorta di “banca etica” che finanzia altre donne, stroncando in questo modo l’usura. Una visione dell’economia, ma anche e soprattutto della vita e del modo di rapportarsi con le altre persone, antitetica a quella di Thomas. Il conflitto fra lui, Nicole e la surora si fa duro. Ma, dopo un percorso umano e spirituale travagliatissimo, sarà proprio Thomas a cambiare, scoprendo dentro di sè la capacità di capire gli altri e di amarli in modo autentico, vale a dire rendendoli liberi.

Disponibile in

Brossura

Genere Fiction
Edizione 2000
Listino € 9,30
  • Disponibile
  • Acquista

Brossura

eBook