Un giorno in autunno

di Stefano Mariano Colonnese 


In una giornata qualunque di una qualunque, pigra estate, il sostituto procuratore Riccardo Andreani si trova a indagare sull’improvvisa morte di un ingegnere in pensione, Martino Martini, un uomo mite, dalla vita apparentemente monotona e inappuntabile.   In un primo momento, il decesso sembrerebbe accidentale, se non che altri morti e nuovi misteri si susseguono e si intrecciano durante le indagini, mentre dalle pagine del diario dell’ingegnere emergono fatti, personaggi e riflessioni della sua vita passata e una serie di indizi che complicano l’inchiesta, fra chiese e archivi di congregazioni religiose, portando a un ventaglio di ipotesi tutte inquietanti. Sarà il ritrovamento del cadavere di una donna conosciuta da viva, bella “come la Bellucci in Malena, ma più familiare e terrena”, a svelare la trama di questi decessi all’apparenza dovuti a cause naturali? E quale collegamento ci potrebbe essere fra l’oscuro ingegner Martini e un medaglione che si dice sia stato occultato in un antico edificio? Una lettura suggestiva, un romanzo appassionante per la complessità dell’intreccio, per la ricchezza di rimandi alla Storia, per la sapiente resa di atmosfere e ambientazioni, in uno dei più importanti, ma a volte non altrettanto conosciuti, luoghi e monumenti della Roma rinascimentale post-tridentina. E il racconto che l’autore sostiene essere frutto di fantasia è veramente tale?

di

In una giornata qualunque di una qualunque, pigra estate, il sostituto procuratore Riccardo Andreani si trova a indagare sull’improvvisa morte di un ingegnere in pensione, Martino Martini, un uomo mite, dalla vita apparentemente monotona e inappuntabile.   In un primo momento, il decesso sembrerebbe accidentale, se non che altri morti e nuovi misteri si susseguono e si intrecciano durante le indagini, mentre dalle pagine del diario dell’ingegnere emergono fatti, personaggi e riflessioni della sua vita passata e una serie di indizi che complicano l’inchiesta, fra chiese e archivi di congregazioni religiose, portando a un ventaglio di ipotesi tutte inquietanti. Sarà il ritrovamento del cadavere di una donna conosciuta da viva, bella “come la Bellucci in Malena, ma più familiare e terrena”, a svelare la trama di questi decessi all’apparenza dovuti a cause naturali? E quale collegamento ci potrebbe essere fra l’oscuro ingegner Martini e un medaglione che si dice sia stato occultato in un antico edificio? Una lettura suggestiva, un romanzo appassionante per la complessità dell’intreccio, per la ricchezza di rimandi alla Storia, per la sapiente resa di atmosfere e ambientazioni, in uno dei più importanti, ma a volte non altrettanto conosciuti, luoghi e monumenti della Roma rinascimentale post-tridentina. E il racconto che l’autore sostiene essere frutto di fantasia è veramente tale?

Disponibile in

Brossura

Genere Narrativa
Edizione 2010
Listino € 13,00
  • Disponibile
  • Acquista

Brossura

eBook

12