ZONE 12. I MASS MEDIA TRA STORIA E MEMORIA

di Francesca Anania 


Il volume offre un tema  che più volte ha suscitato dibattiti e polemiche: il rapporto fra mass media e storia, una storia che non si avvale solo di documenti scritti, ma anche di fonti sonore e visive. Sia la ricerca sia l’editoria hanno fortemente incentivato la circolazione di diari, di memorie, di corrispondenze private, provocando un’attenzione crescente da parte dei giornali e della televisione verso questo genere di pubblicazioni. Tutto ciò, naturalmente, restituisce al sapere storico una capacità conoscitiva più larga rispetto alle sedi accademiche e aiuta a riaccreditare la storia dell’età contemporanea come un importante mezzo per riappropriarsi di un rapporto critico con la storia in generale. Secondo un taglio essenzialmente metodologico, il volume sviluppa alcuni confronti: in primo luogo tra l’Italia e la Spagna, paesi che – seppure per ragioni diverse – hanno avuto e tuttora hanno un problema di costruzione dell’identità nazionale e hanno entrambi puntato sulla televisione come medium unificante, capace di ridisegnare i confini della loro storia; in secondo luogo con la Francia, dove l’identità è forte, soprattutto in virtù del ruolo di “battistrada” esercitati nella costruzione di diverse identità nazionali e locali attraverso le numerose iniziative istituzionali promosse: le leggi sulla memoria, sul negazionismo e il patrimonio legale, la testimonianza degli storici nei processi. Infine, ripercorrendo il ruolo giocato dai media nel trattare alcuni temi fondamentali – la guerra, l’Europa, la religione – si è cercato di definire gli obiettivi che un’informazione che vuole definirsi moderna dovrebbe darsi. In appendice, un’ampia selezione di documenti relativi alle raccomandazioni e ai progetti del Consiglio d’Europa e alla legislazione francese sugli audiovisivi – fra le più avanzate – , oltre a vari articoli sulla stampa europea, offrono ai giovani, ai ricercatori, agli operatori dei media uno strumento per districarsi meglio in un campo che ormai supera i confini della disciplina.

di

Il volume offre un tema  che più volte ha suscitato dibattiti e polemiche: il rapporto fra mass media e storia, una storia che non si avvale solo di documenti scritti, ma anche di fonti sonore e visive. Sia la ricerca sia l’editoria hanno fortemente incentivato la circolazione di diari, di memorie, di corrispondenze private, provocando un’attenzione crescente da parte dei giornali e della televisione verso questo genere di pubblicazioni. Tutto ciò, naturalmente, restituisce al sapere storico una capacità conoscitiva più larga rispetto alle sedi accademiche e aiuta a riaccreditare la storia dell’età contemporanea come un importante mezzo per riappropriarsi di un rapporto critico con la storia in generale. Secondo un taglio essenzialmente metodologico, il volume sviluppa alcuni confronti: in primo luogo tra l’Italia e la Spagna, paesi che – seppure per ragioni diverse – hanno avuto e tuttora hanno un problema di costruzione dell’identità nazionale e hanno entrambi puntato sulla televisione come medium unificante, capace di ridisegnare i confini della loro storia; in secondo luogo con la Francia, dove l’identità è forte, soprattutto in virtù del ruolo di “battistrada” esercitati nella costruzione di diverse identità nazionali e locali attraverso le numerose iniziative istituzionali promosse: le leggi sulla memoria, sul negazionismo e il patrimonio legale, la testimonianza degli storici nei processi. Infine, ripercorrendo il ruolo giocato dai media nel trattare alcuni temi fondamentali – la guerra, l’Europa, la religione – si è cercato di definire gli obiettivi che un’informazione che vuole definirsi moderna dovrebbe darsi. In appendice, un’ampia selezione di documenti relativi alle raccomandazioni e ai progetti del Consiglio d’Europa e alla legislazione francese sugli audiovisivi – fra le più avanzate – , oltre a vari articoli sulla stampa europea, offrono ai giovani, ai ricercatori, agli operatori dei media uno strumento per districarsi meglio in un campo che ormai supera i confini della disciplina.

Disponibile in

Brossura

Genere Zone – Collana di studi e ricerche sui media
Edizione 2008
Listino € 22,00
  • Disponibile
  • Acquista

Brossura

eBook