LOGO_02   preview_spot
info_contatti premio_regolamento giuria-nazionale 

ediz_1 ediz_2 ediz_3 ediz_4 ediz_5 ediz_6

Roma, 20 febbraio  2018 –  PUBBLICATO !

  

Roma, 26 settembre 2017  

Filippo Lorrai – Il grande Erik

Vi presentiamo il vincitore della VI edizione del Premio La Giara – Rai. È #FilippoLorrai, viene dalla #Sardegna, e il suo romanzo si intitola "Il grande Erik" ⭕➡ SINOSSIRomanzo corale che racconta fasti e caduta dello stralunato circo del Grande Erik, dove l'ultima generazione di artisti, lavoranti, clown, cerca invano di mantenere viva la grandezza passata, fino alla disfatta finale.➡ MOTIVAZIONEL'autore con una scrittura suggestiva e poetica dipinge con grande naturalezza l'affresco di affetti, delusioni e speranze di una piccola pirotecnica tribù circense. Il circo, attraverso la storia di tre generazione, ci appare un poetico mondo a parte, assediato e sconfitto dalla violenta realtà esterna.Rai Com UFFICIO STAMPA RAI Rai Letteratura Rai Cultura Radio3 Rai TGR Rai Sardegnahttp://www.premioletterariolagiara.it/

Pubblicato da Rai Eri su Mercoledì 27 settembre 2017

 

Filippo Lorrai ci racconta così il suo romanzo, Il grande Erik, che vedremo in libreria nei prossimi mesi, pubblicato da Rai Eri:  Julius ha diciotto anni; vive e lavora nel circo del Grande Erik da quando è nato. È un semplice operaio: non sa farsi obbedire dagli animali, non sa far ridere, non sa volare, e in ogni caso odia esibirsi. I suoi genitori invece erano grandi artisti, morti prematuramente in un tempo in cui il circo viveva i suoi fasti che tutti ora sembrano rimpiangere. L’età dell’oro è finita e per Julius la fine ha coinciso con l’ultima volta in cui ha visto Polly Jean, una giovane vagabonda che per un breve periodo aveva vissuto con lui e condiviso le sorti della sua stralunata famiglia di artisti giramondo. Il tempo è passato, nella vita di Julius c’è un nuovo amore, ma lui non ha ancora smesso di pensare a Polly Jean, all’estate torrida in cui la conobbe e subito la perse. In un continuo accavallarsi di salti all’indietro nel tempo e situazioni surreali, la storia di Julius si intreccia con quelle degli altri personaggi, i vivi e i morti, legati insieme da un destino comune e al tempo stesso irrimediabilmente soli.

La Commissione nazionale ha così motivato la Giara d’oro a Il grande ErikL’autore con una scrittura suggestiva e poetica dipinge con grande naturalezza l’affresco di affetti, delusioni e speranze di una piccola e pirotecnica tribù circense. Il circo, attraverso la storia di tre generazioni, ci appare come un poetico mondo a parte, assediato e sconfitto dalla violenta realtà esterna.

Christian Bartolomeo – Le quindici

Vi presentiamo il secondo classificato della VI edizione del Premio La Giara – Rai. È Christian Maria Giuseppe Bartolomeo, ha 39 anni e viene dalla #Sicilia. Il suo romanzo si intitola "Le quindici" ⭕➡ SINOSSIIl romanzo racconta di un bonario parroco di un paese dell'agrigentino, Don Salvo, a cui tutti chiedono miracoli perché ritenuto per errore in odore di santità. Ma lui vorrebbe salvare soltanto il compaesano Antonio Tuttolomondo, al quale un sogno premonitore ha annunciato morte certa entro quindici giorni.➡ MOTIVAZIONELa narrazione è strutturata come una rocambolesca commedia degli equivoci, che unisce toni popolari e dialettali a linguaggi più elevati. Il gioco dei miracoli annunciati, delle coincidenze incalzanti, delle soluzioni impreviste alimenta abilmente l'ambiguità tra caso e intervento divino.Rai Com UFFICIO STAMPA RAI Rai Letteratura Rai Cultura Radio3 Rai http://www.premioletterariolagiara.it/

Pubblicato da Rai Eri su Mercoledì 27 settembre 2017

 

Il romanzo Le quindici, di Christian Maria Giuseppe Bartolomeo, invece narra di un’altra comunità, meno stralunata e lirica, nella Sicilia degli anni 60.
SINOSSI – Il romanzo racconta di un bonario parroco di un paese dell’agrigentino, Don Salvo, a cui tutti chiedono miracoli perché ritenuto per errore in odore di santità. La voce si sparge e  tutti, perfino il signorotto mafioso del luogo, don Pepè  Lattuca, pretendono miracoli da lui, che è quindi costretto a rifugiarsi con Antonio e i suoi fedelissimi, in un monastero in Calabria. Lui in realtà vorrebbe salvare soltanto il compaesano Antonio Tuttolomondo, una specie di silenzioso gigante rientrato in paese dopo molto tempo per ricevere l’eredità del fratello e al quale un sogno premonitore ha annunciato morte certa entro quindici giorni. Il parroco vorrebbe aiutare Antonio a liberarsi del peso di un grave peccato che lo opprime da anni e che, secondo una superstizione legata alle Orazioni di Santa Brigida, potrà espiare solo con una morte fulminea allo scadere – appunto – del quindicesimo giorno dal sogno premonitore. Intanto i “miracoli” sembrano compiersi, ma proprio come accade nella commedia classica, svelati tutti i retroscena, i “miracoli” non sembreranno che interventi del destino per distribuire equamente punizioni e buona fama.

La Commissione nazionale ha così motivato la Giara d’argento a Le quindici: La narrazione è strutturata come una rocambolesca commedia degli equivoci, che unisce toni popolari e dialettali a linguaggi più elevati. Il gioco dei miracoli annunciati, delle coincidenze incalzanti, delle soluzioni impreviste alimenta abilmente l’ambiguità tra caso e intervento divino.

Giuseppe Marotta – Lo specchio

Vi presentiamo il terzo classificato della VI edizione del Premio La Giara – Rai. È Giuseppe Marotta, ha solo 19 anni e viene dalla #Basilicata. Il suo romanzo si intitola "Lo specchio" ⭕➡ SINOSSINell'America degli anni '90, Martin, un ragazzo solitario con un'esperienza di riformatorio alle spalle, entra in possesso di una misteriosa cassa che elargisce denaro. Ma questo gli scatenerà contro una pericolosa banda di gangster che lo costringerà alla fuga.➡ MOTIVAZIONEL'autore riesce a mantenere costante l'atmosfera di cupa solitudine propria del noir con una scrittura che riecheggia le atmosfere del cinema di genere americano.m Convincente la figura del protagonista, giovane fobico e solitario che pur vivendo un'esistenza invasa dalla violenza non rinuncia a credere al valore dell'amicizia.Rai Com UFFICIO STAMPA RAI Rai Letteratura Rai Cultura Radio3 Rai http://www.premioletterariolagiara.it/

Pubblicato da Rai Eri su Mercoledì 27 settembre 2017

 

Lo specchio del giovanissimo Giuseppe Marotta si sposta invece nell’America degli anni 90, un paesaggio in bianco e nero, guardando a Scorsese.
SINOSSI – Nel maggio del 1994 mentre Nelson Mandela viene eletto presidente dopo 27 anni di detenzione e lo stato dell’Illinois sta per giustiziare un serial killer, la vita di Martin prende una piega irreversibile che lo condurrà a morte certa.  Martin è un ventenne che ha passato gli anni della sua adolescenza in Riformatorio e poi,  ormai maggiorenne, in carcere a causa di un incredibile equivoco giudiziario. La famiglia è morta in un incidente stradale e sopravvive lavorando come banchista e macellatore di carni in un supermercato. È un ragazzo solitario e disturbato: lo specchio lo tormenta rivelandogli un altro sé contro il quale si scaglia con violenza; mangia poco e dorme meno. L’unico piacere che coltiva consiste nell’inforcare la sua vecchia Harley-Davidson e correre libero fuori città. Ma sarà proprio la moto a tendere il filo del destino. Mentre corre veloce in un bosco, cadrà battendo la testa su una cassa metallica misteriosa che decide di portare a casa. Martin non sa che in questo modo sta sfidando suo malgrado una pericolosa banda di gangster che volendo rientrare in possesso della cassa gli scatena dietro i suoi uomini più violenti. È a questo punto che si rivolge a Joe, l’amico di sempre; e sarà con lui che la lotta per sopravvivere si tingerà irrimediabilmente di rosso.

 La Commissione nazionale ha così motivato la Giara di bronzo a Lo specchio: L’autore riesce a mantenere costante l’atmosfera di cupa solitudine propria del noir con una scrittura che riecheggia le atmosfere del cinema di genere americano. Convincente la figura del protagonista, giovane fobico e solitario che pur vivendo un’esistenza invasa dalla violenza non rinuncia a credere al valore dell’amicizia.

——

Roma, 25 settembre 2017        

                                                           

NELLA SALA DEGLI ARAZZI DI VIALE MAZZINI LA PREMIAZIONE DELLA VI EDIZIONE DEL PREMIO RAI LA GIARA.

Nella sede Rai di Viale Mazzini, nella sala degli Arazzi alle ore 15.30,  domani si concluderà la sesta edizione del Premio Rai La Giara per romanzi inediti di giovani autori, che quest’anno vede arrivare in finale – in ordine rigorosamente alfabetico – Christian Maria Giuseppe Bartolomeo (39 anni) dalla Sicilia, con il romanzo Le quindici; Filippo Lorrai, (33 anni) dalla Sardegna con il romanzo Il grande Erik; Giuseppe Marotta, (19 anni) dalla Basilicata, con il romanzo Lo specchio.

I tre romanzi dopo aver superato una prima fase di selezione, quella regionale, sono poi stati scelti dalla Commissione Nazionale che ricordiamo essere composta da:

Daria Bignardi, Pier Luigi Celli, Antonio Debenedetti, Gian Arturo Ferrari, Paolo Mauri e il Laboratorio di scrittura creativa di Rai Eri.

Nell’incontro, condotto da Giancarlo Magalli, sarà annunciato il nome del vincitore di questa edizione, e potremo ascoltare  dalla voce di Deborah Caprioglio, Pino Caruso e Gianfranco Iannuzzo,  alcuni brani dei romanzi finalisti, che offriranno un breve saggio dei diversi temi e stili delle opere finaliste.

I tre autori saranno accompagnati e premiati dai Direttori delle rispettive sedi, Giovanni Maria Dettori per la Sardegna, Salvatore Cusimano, Sicilia, Mauro Trapani, Basilicata  che per primi li hanno scelti tra tutti i romanzi giunti nelle sedi e che quindi li accompagnano al traguardo finale.

Roberto Moliterni, vincitore della terza edizione de La Giara nel 2013-14 con il romanzo Arrivederci a Berlino est, sarà presente nella doppia veste di scrittore e giurato per la regione Basilicata, confermando la vocazione del premio a intercettare sul territorio i giovani talenti e le scritture emergenti e ad essere un volano per la carriera di scrittore, come conferma Roberto Moliterni oggi al suo terzo libro.

Un’ampia operazione di scouting letterario che ha creato una piccola squadra di giovani autori da seguire nel loro percorso evolutivo nell’immaginare e scrivere storie, testimonianza viva e diretta della ricchezza e complessità culturale del nostro territorio.

 

——

13 luglio 2017

PUBBLICAZIONE DEI SEMIFINALISTI REGIONALI DELLA VI EDIZIONE PREMIO RAI LA GIARA

Anche quest’anno il lavoro delle Commissioni regionali è giunto al suo risultato finale, indicando   l’autore che per ciascuna sede regionale passa alla seconda fase di selezione, quella nazionale, che nella seconda metà di settembre annuncerà  il vincitore, primo classificato nella terzina finalista. Ringraziamo il lavoro delle Commissioni che hanno rilevato, abbastanza uniformemente, in questa edizione una generale  tendenza alla scrittura intimista e diaristica, con un’ attenzione maggiore al meccanismo narrativo  che alla drammaturgia dei personaggi. Ancora una volta il Premio conferma la sua vocazione di osservatorio sulle scritture contemporanee, riuscendo a intercettare  quella che oggi sembra un’attitudine diffusa di  scrittura,  che esalta la priorità dell’Io, del singolo, la vita intima sulla dimensione collettiva e politica, rendendo evidente quanto i blog e i vari e più noti spazi in rete abbiano orientato la scrittura verso un’adesione immediata al presente piuttosto che alla ricerca di connessioni per coglierne un senso più ampio. Ancora più utile quindi oggi il lavoro delle Commissioni del Premio Rai La Giara alla ricerca di  potenziali scrittori che sappiano coniugare un linguaggio attuale con la necessità di indagare su interrogativi ampi e condivisi. Grazie a tutti gli scrittori che hanno partecipato e ovviamente grazie e in bocca al lupo ai semifinalisti. L’appuntamento per loro è a settembre!

SEGUE ELENCO SEMIFINALISTI.   Con un’avvertenza: La  Commissione di AOSTA, non avendo ricevuto alcun romanzo non ha ovviamente indicato alcun semifinalista; la  Commissione delle MARCHE, dopo un’attenta analisi dei singoli testi e delle finalità del premio,  ha ritenuto che  tra i romanzi pervenuti  nessuno fosse idoneo a passare alla seconda fase.  Ricordiamo che ogni Commissione ha lavorato in piena autonomia e insindacabilità di giudizio,  condividendo comunque i criteri generali di valutazione e analisi di un testo definiti fin dalla prima edizione del Premio  riguardo  alla originalità della scrittura e coerenza della struttura narrativa. 

1) ABRUZZO

E poi il buio (e poi la luce)di  Alessia Venturoni

2) AOSTA – Nessun romanzo pervenuto

3) BOLZANO

La composizione del grigio, di Sara Notaristefano

4) BASILICATA

Lo specchio, di Giuseppe Marotta

 5) CALABRIA

Per un pugno di arance, di Francesco Papa

 6) CAMPANIA

Le differenze,  di Valeria Rago

 7) EMILIA ROMAGNA:

Senza malizia alcuna, di Laura Ascari

8) FRIULI VENEZIA GIULIA

L’arte proibita, di Federico Fanin

9) LAZIO

Forse era destino, di David Battisti

10) LIGURIA

Catabasi, di Francesco Auxilia

11) LOMBARDIA

L’amore è una giovane tentazione, di Samuele Saleri

12) MARCHE – Nessun romanzo selezionato

13) MOLISE

Le orme sono sempre seidi Cristina Salvatore

14) PIEMONTE

Il cliente ha sempre ragione. Una novella gastronomica, di Magda Massaglia.

15) PUGLIA

Procione, di Donatella Azzolini  

Fattore H, di Alessandro Santoro

16) SARDEGNA

Il grande Erikdi Filippo Lorrai

17) SICILIA

Le quindicidi Christian Maria Giuseppe Bartolomeo

18) TOSCANA                            

La finestra, di Angelo Airò Farulla

Menzione speciale: Nat Turnerdi Carlo Bertini

19) TRENTO

La signora Rosadi Lorenzo Martinelli.

20) UMBRIA

Io taglio per campidi Giulia Volpi

21) VENETO

Scheggedi Jacopo Molinari

——

2°maggio 2017 –  RAI ERI ARRIVANO I PRIMI NUMERI DEL PREMIO LA GIARA 2017


LETTURE IN CORSO nella sede Rai Piemonte

Finalmente, con i dati da tutte le sedi, abbiamo il numero complessivo dei partecipanti a questa VI edizione del Premio. Sono 486  i giovani autori che quest’anno hanno spedito la propria opera. Considerando che l’andamento del premio ha sempre avuto un’alternanza simmetrica tra un anno più “ricco” e il successivo “più scarno”, il risultato di questa edizione si allinea con quello di due anni fa in cui abbiamo ricevuto 560  romanzi, mentre l’anno scorso sono stati  1560. Il Premio si è quindi attestato su una sua stabilità, con una piccola flessione dovuta alle modifiche dei tempi di consegna e dei limiti sulle battute delle opere, confermando come sempre una maggiore partecipazione nei grandi centri.

——

11 aprile 2017 – dalla sede regionale Rai Calabria

Collaborazione fra la Sede regionale Rai della Calabria e il Liceo scientifico statale Leonardo Da Vinci di Reggio Calabria


http://bit.ly/giara2owXiY4

——
10 aprile 2017 – dalla sede regionale Rai Umbria

Alla data del odierna sono pervenuti presso la sede Rai di Perugia in totale 10 manoscritti di cui 6 ammissibili  e 4 mancanti dei requisiti validi per l’ammissione.

——

1 aprile 2017 – dalla sede regionale Rai Calabria

——

Rai Com – Ilaria Tomassini e Paola  Gaglianone, ospiti di Uno mattina il 26 febbraio 2017 per raccontare quello che, con oltre cinquemila romanzi letti in cinque anni, è  i più grande osservatorio e “scouting” letterario italiano

——

30 marzo 2017 – dalla sede regionale Rai Basilicata. Testimonianza di Roberto Moliterni, vincitore della terza edizione del Premio nonché membro della commissione Basilicata 2017


——

9 marzo 2017 – dalla sede regionale Rai Calabria

Collaborazione tra il liceo Campanella di Lamezia Terme e la sede regionale della Rai di Cosenza

——

27 marzo 2017 – Rai Eri

 

——

 Venerdì 31 marzo 2017

Ilaria Tomassini, vincitrice della quinta edizione del premio La Giara,  incontra gli studenti dell’Universita di Perugia per raccontare come si comincia a scrivere e soprattutto in che momento si decide di chiudere il proprio romanzo e partecipare a un premio.


——

14 marzo 2017 – Rai Com

——


14 marzo 2017 –  dalla sede regionale Rai Puglia

Si è insediato,  martedì 14 marzo, alle ore 15:00, nella sala riunioni della Direzione di sede della Rai di Bari,  la Commissione regionale della VI° edizione del Premio letterario “La Giara”. Il Premio è bandito dalla Rai Radiotelevisione Italiana e da Rai Com nel cui ambito opera Rai Eri, con un forte coinvolgimento delle Sedi regionali e dei Centri di produzione TV,  veri presidi del territorio. Con questo Premio, rivolto ai giovani scrittori residenti in Italia, di età compresa tra i 18 e i 39 anni compiuti alla data del 31 marzo 2017, la Rai guarda con attenzione al mondo dei giovani, offrendo ai nuovi talenti l’opportunità di cimentarsi in ambito narrativo anche con linguaggi nuovi,  in linea con le dinamiche del nostro tempo. Molto autorevole la Commissione, nominata dal dott. Carlo Brienza, Direttore della sede Rai per la Puglia, e così composta: Rosella Santoro, direttrice artistica del “Libro possibile” di Polignano a mare; Piera de Giorgi, docente di lingua e letteratura inglese e promoter; Carlotta Susca, docente di editoria libraria e multimediale, editor di narrativa e saggistica; Lino Patruno, giornalista e scrittore, direttore del Master di giornalismo Università di Bari e Ordine dei giornalisti di Puglia; Gianluca Rossiello, libraio indipendente, eletto tra i primi dieci librai in Italia, distintisi per la loro attività e preparazione.Referente del Premio, per la Sede Rai di Bari, Rosa Polieri.
Anche quest’anno, come per le edizioni precedenti, saranno numerosi gli scrittori che proveranno ad aggiudicarsi “La Giara d’oro”.
Ulteriori informazioni sul regolamento sono disponibili sul sito http://www.railibri.rai.it.

——


1 Marzo 2017  –  Rai Eri, l a vincitrice della Giara d’oro 2016 ospite a “I fatti vostri”

Il Premio Letterario La Giara, bandito da RAI e Rai Eri,  è stato ideato per dare spazio e visibilità a giovani scrittori di tutta Italia.  La Rai, attraverso le proprie Sedi Regionali e Centri di Produzione, si propone come osservatorio sulla scrittura e sulle nuove forme narrative.  Sono 21 le Commissioni Regionali di esperti che scelgono in ogni sede il romanzi migliore da inviare alla Commissione Nazionale per l’individuazione della terna dei finalisti, tra cui viene selezionata l’opera vincitrice. Se avete una storia da raccontare, oppure il vostro talento è la scrittura è giunto il momento di dimostrarlo.


facebook_s  Official Page  La Giara